Messaggio bagnato per Zurich Group

,

Con un enorme striscione galleggiante abbiamo navigato martedì mattina fino alla sede della Zurich Insurance nel porto di Enge. Zurich Insurance deve mantenere le sue promesse sul clima e abbandonare del tutto l’assicurazione di petrolio e gas!

Ieri mattina, ore 7:00, temperatura dell’aria di 5 gradi, temperatura dell’acqua 7 gradi. Una barca a vela con attivisti/e di Campax lascia il molo di Zurigo Riesbach. Attaccato sul retro: uno striscione di 10 metri per 13. I galleggianti cuciti lo tengono sulla superficie dell’acqua. Lentamente si srotola e il testo diventa leggibile: “Zurich, smetti di assicurare i progetti di petrolio e gas!” La barca a vela fa rotta verso il porto di Enge, dove si trova la destinazione degli attivisti e delle attiviste: La sede centrale della Zurich Insurance.

Oggi, c’è l’assemblea generale della Zurich Insurance. Zurich è membro della Net-zero Insurance Alliance e si è impegnata a limitare le emissioni di CO2 in linea con l’obiettivo di 1,5°C. Eppure è uno dei più grandi assicuratori di petrolio e di gas del mondo. Il petrolio e il gas sono responsabili di circa il 55% di tutte le emissioni globali di CO2!

Con questa azione, abbiamo chiesto a Zurich di mettere i suoi soldi dove è anche la sua bocca. Zurich non deve più assicurare nuovi progetti di espansione di petrolio e gas e deve ritirarsi gradualmente dalle polizze assicurative esistenti.

Contesto della campagna:

La guerra di Putin è finanziata dalle esportazioni di petrolio e gas della Russia. Questo ci rende dolorosamente consapevoli dell’urgente necessità di una rapida eliminazione delle energie fossili. Zurich Insurance è stata nominata da organizzazioni non governative come una delle “Putin100” – le 100 istituzioni finanziarie più coinvolte nell’industria russa del petrolio e del gas. (1)

La politica nell’ambito di petrolio e gas del Gruppo Zurich è tutt’altro che adeguata. L’assicurazione attualmente esclude – oltre al carbone – le sabbie bituminose, gli scisti bituminosi e il petrolio proveniente da parti dell’Artico. (2) A novembre, ha anche escluso i cosiddetti progetti di esplorazione “greenfield” da parte di aziende senza “piani di transizione significativi”. Tuttavia, questa politica permette ancora di assicurare la maggior parte dei progetti di espansione del petrolio e del gas. (3)

Zurich deve smettere immediatamente di assicurare nuovi progetti di petrolio e gas, se fa davvero sul serio riguardo alle sue promesse sulla protezione del clima. Sia il Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) (4) che l’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) (5) hanno comunicato chiaramente che l’obiettivo di 1,5°C non permette un’ulteriore espansione della produzione di energia fossile. Ancora di più: anche la produzione esistente deve essere gradualmente eliminata. La produzione globale di petrolio e gas deve diminuire del 4% e del 3% all’anno, rispettivamente, entro il 2030 per essere compatibile con un percorso di 1,5°C. (6)

Nel frattempo, diverse compagnie di assicurazione hanno adottato obiettivi climatici molto più ambiziosi di Zurich Insurance. Per esempio, il riassicuratore Swiss Re – solo pochi giorni dopo Hannover Re e MAPFRE – ha deciso a metà marzo di escludere la maggior parte dei nuovi progetti di petrolio e gas. (7) Se Zurigo vuole essere all’altezza della sua pretesa di essere un leader climatico, ora deve seguire l’esempio.

* “Greenfield” è il termine usato per descrivere i progetti di estrazione in aree che non sono state precedentemente utilizzate per l’estrazione di materie prime; questo in particolare per distinguerli dall’espansione di strutture estrattive esistenti.

(1) https://putin100.org/#ranking
(2) https://www.zurich.com/en/sustainability/governance-and-policies/exclusion-policies
(3) https://global.insure-our-future.com/zurich-takes-minor-step-away-from-oil-and-gas/
(4) IPCC, Global Warming of 1.5 ºC. Special Report, October 2018
(5) https://www.iea.org/reports/net-zero-by-2050
(6) Stockholm Environment Institute et al, The Production Gap, December 2020
(7) https://campax.org/good-news-policy-update-von-swiss-re/

Carbone per pranzo

Un rapporto pubblicato il 9 giugno mostra che Helvetia Assicurazioni...

Azione all'Assemblea Generale di Chubb

Giovedì 19 maggioabbiamo partecipato all'Assemblea Generale di Chubb Insurance. La...

Leave your comment