La Svizzera deve aderire alle sanzioni dell’UE contro il regime bielorusso

,

“Il fatto che ci colpissero contro il muro è stata la punizione più mite. Gli uomini sono stati costantemente picchiati brutalmente. Uno per uno sono stati portati nel corridoio, mezzi picchiati a morte e portati via. Poi è stato il turno del prossimo.” Questa è la triste relazione dell’opposizione bielorussa Olga Pavlova. Ha trascorso cinque giorni in prigione per aver protestato contro il regime bielorusso [1].

Centinaia di migliaia di bielorussi scendono in piazza da settimane nella capitale Minsk e in altre città per protestare contro la falsificazione dei risultati elettorali da parte del regime di Lukashenko [1]. Il dittatore autoritario reagisce con un uso massiccio della forza contro i manifestanti [2]. L’avversaria di Lukashenko, Svetlana Tichanovskaya, è stata costretta a lasciare il paese [3]. Anche i membri del consiglio di coordinamento fondato dall’opposizione, che in realtà voleva dialogare con il governo, sono stati portati fuori dal Paese o incarcerati [4]. Tuttavia, le proteste continuano.

Ora è importante che tutti i paesi si uniscano contro Lukashenko. L’UE ha deciso sanzioni contro esponenti del regime bielorusso. La Svizzera ora deve aderire alle sanzioni dell’UE. La comunità Campax oggi ha chiesto ai consiglieri federali Ignazio Cassis e Guy Parmelin in una campagna su Twitter ed e-mail di agire immediatamente e avviare sanzioni.

[1]: Olga Pawlowa, in: Schläge, Schocks, Folter: Verhaftete Belarussinnen klagen an, dw.com, 18.8.2020.
[2],  [3] e [4]: Der Zug nach Minsk, WOZ Die Wochenzeitung, 20.8.2020.

Abstimmung-2022-02-13

Sì al pacchetto di misure a favore dei media del 13 febbraio

Textauszug: Il 13 febbraio, la Svizzera voterà la legge federale...

Abstimmung 13. Februar

Voto 13 febbraio: No all'abolizione della tassa di bollo

La parte della tassa di bollo che dovrebbe essere abolita...

Leave your comment